Il plancton riduce l’anidride carbonica

Che il cambiamento globale del clima sia un’ argomento tra i più sentiti non c’è alcun dubbio; oramai non passa giorno senza che si legga o si senta qualche notizia sul tema.

Le informazioni variano da toni allarmistici a toni più rassicuranti e tra questi ultimi abbiamo letto recentemente di un interessante studio condotto da alcuni ricercatori del Leibniz Institute of Marine Sciences di Kiel (Germania) sul plancton marino. Più precisamente si tratta di alcune stime numeriche sulla capacità che questi organismi marini hanno nel utilizzare l’eccesso di anidride carbonica (CO2) prodotta dalle attività antropiche

 

Se da un lato, sembra che una delle principali – se non la principale – causa del riscaldamento globale attuale sia da imputare all’elevata quantità di “gas serra” e in particolare all’anidride carbonica, dall’altro è noto che esistono dei fenomeni naturali in grado di abbassare o quantomeno contenere parzialmente la concentrazione di CO2 dell’atmosfera, come la capacità della CO2 gassosa di disciogliersi nell’acqua.

In realtà anche le piante sottraggono la CO2 dall’ambiente per utilizzarla come base per la creazione di composti organici, grazie alla fotosintesi. Questa componente biologica è particolarmente importante nel mare dove svolge un ruolo quantitativamente importantissimo nel contenimento della CO2; infatti in mare sono presenti enormi quantità di organismi vegetali che, pur essendo di piccole dimensioni, rappresentano una biomassa enorme. Ciò fa sì che l’oceano rappresenti il principale “sistema” in grado di contenere l’eccesso di CO2, ancor più di quanto possa avvenire grazie alle grandi foreste del pianeta

Nel loro studio, i ricercatori tedeschi hanno isolato un tratto di mare (pari a 27 metri cubi di acqua) e hanno dimostrato che a fronte di un aumento della CO2 atmosferica, le alghe planctoniche aumentano la loro capacità di crescita riducendo così la quantità di CO2 libera.

I risultati dello studio, ottenuti tramite l’uso di modelli matematici applicati alla concentrazione della CO2 prevista per i prossimi dieci anni, indicano un aumento fino al 39 per cento dell’assorbimento della CO2 dovuto agli organismi fotosintetici, che quindi possono essere considerati un prezioso alleato per alleviare il problema dell’effetto serra a livello globale.

Stop al terminale di rigassificazione in località Zaule (Trieste)

Recentemente il comune di Muggia (Ts) si è espresso negativamente a riguardo del progetto del terminale di rigassificazione del gas naturale liquefatto (GNL) in località Zaule (Comune di Trieste), proposto da Gas Natural Internacional SDG SA. Molte le motivazioni che giustificano questa posizione, principalmente di ordine economico. A bocciare il progetto per questioni ambientali provvede invece il […]

Continue reading...

La pesca nel santuario pelagos

Il santuario Pelagos risulta troppo trafficato e le balenottere si spostano a Sud, in aree meno affollate. E’ una delle ipotesi emerse da una recente indagine (Arcangeli et al. 2009) condotta dall’ISPRA, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, e dalle università di Pisa e Genova, in collaborazione con altre ong quali l’Accademia del […]

Continue reading...

La questione della pastura sulla pesca

Le domande piu’ frequenti rivolte a chi lavora con gli squali riguardano di solito l’uso della pastura per attirarli. L’idea che il sangue attiri gli squali da chilometri di distanza e’ una credenza ben radicata cosi’ come la convinzione che tutte le specie di squali reagiscano ad esso con frenesia alimentare. Innanzitutto direi che bisogna […]

Continue reading...

Appare una foca monaca in Croazia!

La presenza della foca monaca (Monachus monachus Hermann, 1779) lungo la costa croata e’ stata nuovamente registrata qualche settimana fa, l’otto marzo 2009, a Kamenjak-Premantura. L’animale e’ stato fotografato dagli operatori del Museo Civico di Pola. Si tratta del secondo avvistamento della specie nell’arco di un mese.   Foca monaca fotografata a Kamenjak-Premantura, Croatia, 08.03.2009, dagli […]

Continue reading...