Gli ultimi articoli:

Questa mattina è stato rimosso e poi fatto brillare l’ordigno bellico rinvenuto in mare presso la Trezza S. Pietro al largo di Grado alcuni giorni fa. Le operazioni sono state condotte dal Nucleo Servizio Difesa Antimezzi Insidiosi (S.D.A.I.) della Marina Militare Italiana di base ad Ancona.

punti di rinvenimento e brillamento

punti di rinvenimento e brillamento

Prima del brillamento è stato necessario spostare l’ordigno dal sito di rinvenimento per evitare di danneggiare la Trezza e gli organismi che la popolano; infatti la Trezza S. Pietro, assieme alla Trezza Bardelli, è un Sito di Interesse Comunitario (S.I.C.) e quindi è un’area di grande pregio naturalistico.

L’esplosione programmata è avvenuta alle ore 12 circa, lungo la congiungente LAT: 45° 36,289′N Long 13° 20,293′E e Lat 45° 36,300′N Long 13 22,0′E.

Sebbene la distanza tra il punto di brillamento e l’Area Protetta di Miramare sia grande (circa 28 km), l’esplosione è stata comunque udita attraverso un’idrofono posto presso il confine dell’AMP;  grazie alla presenza in mare e all’uso di un’appropriata strumentazione i biologi dell’ARPA-FVG e dell’AMP-Miramare hanno potuto quindi registrare ” l’evento “.

grafico che illustra l'esplosione

grafico che illustra l'attimo dell'esplosione

file audio (amplificato) dell’esplosione



0 Commenti

  1. Scrivi un commento